google.com, pub-8172063191489395, DIRECT, f08c47fec0942fa0
top of page

Anticipazioni della V puntata di Freedom: ancora Egitto, Roma, Reggia di Caserta e tanto altro!


Lunedì 13 marzo in prima serata su Italia 1, Freedom oltre il confine ci porterà:

- in Egitto, per entrare nella Piramide di Cheope alla scoperta dello Zed e parlare con Zahi Hawass della recente scoperta di un nuovo corridoio;

- in Piemonte, ad Exilles, per conoscere la leggenda della Maschera di ferro ed a Torino per entrare nel Palazzo dell’Arsenale;

- nel Lazio, a Roma, per parlare del nascondiglio nella Chiesa di San Gioacchino;

- in Campania, per entrare nella straordinaria Reggia di Caserta;

- e altro ancora.


Nella quinta puntata della nuova serie prosegue il viaggio della squadra di Freedom nella Terra dei Faraoni con una serata da non perdere. Roberto Giacobbo parlerà con Zahi Hawass dell’ultima importante scoperta: un corridoio all’interno della Piramide di Cheope che potrebbe portare alla più grande scoperta archeologica del secolo, il ritrovamento della tomba di Cheope. Un’occasione speciale nella quale torneremo proprio a visitare l’interno della gigantesca Piramide di Cheope per raccontare e approfondire anche la ricerca di un amico, Mario Pincherle, che molti anni fa, studiando i Libri di Enoch, antichi documenti che parlano dell’origine della civiltà, ipotizzò l’esistenza di una ‘torre del tempo’ chiamata Zed all’interno di quella che viene ritenuta la tomba del faraone Cheope. Roberto Giacobbo visiterà la Stanza della Regina e la Stanza del Re per provare a capire se davvero gli antichi egizi fossero in possesso di conoscenze in grado di manipolare lo scorrere del tempo. Sarà un viaggio appassionante.


Roberto Giacobbo raggiungerà poi Torino per compiere un viaggio emozionante. Con un vero e proprio permesso speciale entreremo nel principale luogo deputato alla formazione morale e professionale delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi, i giovani Ufficiali dell’Esercito Italiano. È il Palazzo dell’Arsenale, oggi sede del Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito: un luogo ricchissimo di gloriose tradizioni e di un patrimonio spirituale e culturale inestimabile.


Roberto Giacobbo racconterà la storia di come oltre trenta persone, tra la fine dell’ottobre del ’43 e il giugno del ’44, si salvarono dal rastrellamento dei tedeschi nella Seconda Guerra Mondiale rifugiandosi per sette mesi nel sottotetto di un’importante chiesa romana.

Le telecamere di Freedom entreranno nella Chiesa di San Gioacchino nel quartiere Prati a Roma per mostrare i luoghi dove avvennero questi fatti. Nella soffitta graffiti sui muri e giornali dell’epoca rimangono ancora come testimonianze di quei lunghi mesi di isolamento; un periodo buio del nostro passato, ma che grazie al coraggio e all’umanità di alcune persone è riuscito a vivere degli straordinari momenti di luce trasformando quel luogo da umida soffitta a “barca dei sogni.


La squadra di Freedom, dopo aver raccontato nella scorsa puntata la storia dell’affascinante Acquedotto Carolino che porta l’acqua ai giardini della Reggia di Caserta, finalmente aprirà le porte della residenza reale più grande del mondo per volume. Roberto Giacobbo racconterà alcuni dei suoi luoghi più famosi come la gigantesca sala del trono, il piccolo e curioso bagno personale della regina Maria Carolina o il monumentale scalone nel quale un’orchestra nascosta suonava melodie per gli ospiti che entravano a palazzo. Non mancheranno i permessi speciali che ci porteranno nei suoi sotterranei e nei suoi sottotetti per scoprire cosa successe qui nel corso della Seconda Guerra Mondiale.


Freedom raggiungerà poi le Alpi per conoscere una delle strutture difensive più grandi e antiche del Piemonte e di tutto il Nord Italia: il Forte di Exilles. Questo luogo pare custodire una leggenda che va avanti da oltre trecento anni e che ha attirato l’attenzione di esperti e curiosi: quella della “maschera di ferro”. Dietro questa particolare maschera sarebbe celato un personaggio misterioso che, secondo alcune cronache, sarebbe vissuto durante il regno del Re di Francia Luigi XIV. Ma cosa c’è di vero e chi era quel prigioniero così importante tanto da essere incarcerato a vita protetto da un sistema tanto particolare? E davvero tutto è avvenuto qui nel forte di Exilles? Roberto Giacobbo cercherà di scoprirlo

0 commenti
bottom of page