google.com, pub-8172063191489395, DIRECT, f08c47fec0942fa0
 

Calciomercato, è ora di svegliarsi

(Fonte: Sky Sport)

In tempi di pandemia non è semplice svegliarsi per il calciomercato. Non sono molti i trasferimenti avvenuti e poche le trattative ben avviate tra società. Basti pensare che la Juventus deve ancora acquistare un giocatore e che quasi ogni trattativa procede a rilento, anche per settimane. Alcune di queste si sono concluse, altre si sono arenate, ma molte stanno entrando nel vivo e potrebbero durare a lungo. È il caso della trattativa tra Arsenal e Roma, che, dopo essersi assicurata il portiere Rui Patricio e il terzino sinistro Matias Vina, sta insistendo per Granit Xhaka, centrocampista svizzero che Mourinho vuole assolutamente nella capitale. Kaio Jorge del Santos, invece, dovrà decidere il suo futuro, anche se non sarà facile: ci vorrà del tempo. Il giovane talentino brasiliano classe 2002 in scadenza di contratto a gennaio è conteso tra Juventus, Milan e Benfica. Il Diavolo ha un accordo con il giocatore, ma non ha ancora avanzato un’offerta ufficiale al Santos che non vuole perderlo a zero, la Vecchia Signora punta ad accaparrarselo a contratto terminato puntando sul fascino di giocare con Ronaldo, mentre il Benfica ha trovato la giusta intesa con i brasiliani. Il club, però, che sembra più vicino al giocatore è la Juventus. Rimanendo in tema bianconero, i dirigenti juventini e quelli del Sassuolo avranno nei prossimi giorni un incontro per provare nuovamente a raggiungere un accordo che possa accontentare entrambe le parti per Locatelli. Nel frattempo, Arnautovic è arrivato a Bologna, acclamatissimo dai tifosi, Giroud oggi si allenerà a Milanello, mentre Ballo-Tourè e Brahim Diaz hanno già debuttato in amichevole contro il Modena. L’Inter punta Nandez per il post-Hakimi, il Napoli è alla ricerca di un terzino sinistro, l’Atalanta deve valutare l’offerta del Tottenham per Romero e ha definito l’arrivo di Pezzella dal Parma, ed infine, la Lazio sta cercando di piazzare uno dei suoi big sul mercato (l’indiziato numero uno pare Correa).

0 commenti