google.com, pub-8172063191489395, DIRECT, f08c47fec0942fa0
 

Continuano le proteste in Russia: oltre 1300 fermati

Intanto, sono proseguite per tutta la notte le proteste in Russia dopo l'annuncio di mobilitazione militare parziale che coinvolgerà circa 300mila riservisti. Oltre 1300 persone sono state fermate ieri dalla Siberia a Mosca e San Pietroburgo dove centinaia di persone si sono riversate in strada affrontando il pugno duro della polizia. Secondo la Ong OVD-Info, le proteste hanno coinvolto in totale 38 città russe. Molti altri stanno cercando di lasciare il Paese: dopo che sono stati esauriti i biglietti dei voli diretti per la Georgia, l'Armenia e la Turchia fino al fine settimana, code fino a 35 chilometri sono state registrate al confine con la Finlandia. Secondo il Segretario di Stato americano Antony Blinken Putin "non sta operando da una posizione di forza ma questo è piuttosto un segno del fallimento della sua missione" e la mobilitazione conferma questo stato delle cose.




0 commenti