google.com, pub-8172063191489395, DIRECT, f08c47fec0942fa0
 

Cosa sono le esercitazioni militari Vostok-2022 a cui ha presenziato Putin e cosa c’entra la Cina

Il presidente russo Vladimir Putin ha presenziato oggi alla fase finale delle esercitazioni militari Vostok-2022, a cui anche la Cina ha partecipato inviando oltre duemila soldati e 300 mezzi a sottolineare il rapporto di reciproca fiducia tra i due Paesi.


Si rivede in un evento ufficiale Vladimir Putin. Il presidente russo ha infatti presenziato alle battute finali delle cosiddette esercitazioni militari Vostok-2022 in corso nell'Estremo oriente russo, a Vladivostok, dove è in programma anche il settimo Forum economico orientale.



Alle esercitazioni, cominciate lo scorso 1 settembre e che termineranno domani, mercoledì 7 settembre, prendono parte unità delle forze armate russe e di altri Paesi alleati, inclusa la Cina, che ha inviato un'imponente delegazione militare con oltre duemila soldati e 300 mezzi, tra cui 21 aerei da combattimento e tre navi da guerra a sottolineare il rapporto di reciproca fiducia che intercorre tra i due paesi.


Nell'ambito di Vostok-2022, la marina russa e quella cinese praticheranno anche un'azione congiunta nel Mar del Giappone. Pechino ha però tenuto a sottolineare nei giorni scorsi che la sua presenza è "estranea all'attuale situazione a livello regionale e internazionale", con chiaro riferimento alla guerra in Ucraina.


Alle manovre, che si svolgono ogni quattro anni, prendono parte 5mila militari da diversi Paesi ex sovietici, come Bielorussia e Tagikistan, nonché, oltre Pechino, anche da India, Laos, Mongolia, Nicaragua e Siria. Secondo Mosca, in totale, nelle esercitazioni sono stati coinvolti oltre 50mila soldati e più di cinquemila unità di equipaggiamento militare, inclusi 140 aerei e 60 navi, con l'obiettivo, secondo il ministero della Difesa russo, di perfezionare "la difesa congiunta delle rotte marittime e delle aree di attività economica".


Dopo la sua apparizione a Vladivostok, Putin ha in programma un viaggio ufficiale nell'Asia Centrale a metà settembre, durante il quale potrebbe incontrare l'omologo cinese Xi Jinping.


0 commenti