google.com, pub-8172063191489395, DIRECT, f08c47fec0942fa0
top of page
  • Immagine del redattore

Diciottesima tappa del Tour: La fuga che non ti aspetti mette sotto scacco Jasper Philipsen

Dopo le asperità alpine, la frazione numero 18 con partenza da Moutiers e arrivo a Bourg en Bresse è terreno fertile per le ruote veloci. Subito dopo il via 3 corridori sono andati in avanscoperta: Kasper Asgreen, Victor Campenaerts e Jonas Abrahamsen. Il gruppo maglia gialla ha sempre tenuto i fuggitivi a bada con distacchi che si aggiravano intorno ai due minuti. Il momento chiave della gara, nei pressi del secondo traguardo volante di giornata quando Pascal Eenkhorn è uscito dal gruppo maglia gialla per andare a dare manforte al suo compagno di squadra in fuga Campenaerts, quasi un gesto di ripicca nei confronti della maglia verde Philpsen, favorito di giornata, che poco prima aveva stuzzicato con superbia un corridore della Lotto Destny. Nel finale quando il distacco era di 40", l'Alpecin aumenta la velocità in gruppo per cercare di ricucire il gap con i fuggitivi. Sul rettilineo finale il forcing del gruppo porta il distacco con i fuggitivi sui 9", tutto fa pensare che sul finale possano essere ripresi ma mai dare per morti gli attaccanti e Kasper Asgreen alza le braccia al cielo sul traguardo di Bourg en Bresse. Nulla cambia in ottica classifica generale. Domani una frazione adatta per un altro colpo di mano partenza da Moirans-En Montagne e arrivo a Poligny.

Tpi

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page