google.com, pub-8172063191489395, DIRECT, f08c47fec0942fa0
 

Forse Mattino Andando di Eugenio Montale

Forse un mattino andando in un’aria di vetro, arida, rivolgendomi, vedrò compirsi il miracolo: il nulla alle mie spalle, il vuoto dietro di me, con un terrore di ubriaco. 5 Poi come s’uno schermo, s’accamperanno di gitto alberi case colli per l’inganno consueto. Ma sarà troppo tardi; ed io me ne andrò zitto tra gli uomini che non si voltano, col mio segreto

PARAFRASI

Forse un mattino camminando con aria cristallina, arida, voltandomi indietro, vedrò compirsi un miracolo; il nulla alle mie spalle, il vuoto dietro di me, come un terrore simile a quello degli ubriachi.

Poi come su uno schermo illusorio, si proiettano freneticamente: alberi, colline con la realtà apparente che inganna. Ma sarà troppo tardi, io me ne starò zitto con quei uomini che riuscivano a voltarsi, con il mio segreto.

Commento Questa poesia di Eugenio Montale, nato a Genova nel 1896, si chiama forse mattino andando, scritta nel luglio del 1923, è una delle poesie più conosciute di questo scrittore. Appartiene alla raccolta Ossi di Seppia. Questa poesia è formata da 2 quartine di versi lunghi o doppi con rime alternate; l’oggetto preso in esame dal poeta è la rivelazione della verità sulla vita. Con questa poesia, il poeta vuole attirare l’attenzione sugli oggetti che non hanno più vita quindi vuole rappresentare la poesia in una forma essenziale con parole semplici e un linguaggio più comune. Questa poesia, infatti è stata composta durante il fascismo, periodo difficile per gli intellettuali. Nella poesia descrive il ritorno al mondo illusorio e alla vita che però non sarà più la stessa. Il poeta però sceglie di non rivelare la verità agli uomini. Successivamente il poeta descrive il momento di quando tornerà a vivere tra gli uomini ma, è troppo tardi per credere alle illusioni della vita normale e dice che continuerà a camminare con tutte le persone che non vogliono vedere la realtà e quindi sceglie di non raccontare la verità ad essi. Secondo me il poeta ha ragione perché la vita è fatta di soli sogni ma mai nulla di reale o, quando capita qualcosa di bello dura sempre poco.

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Questo è un esempio RELAZIONE DI LABORATORIO I COLORI DEL MANGANESE IL MANGANESE GRANZIE ALLA SUA CONFIGURAZIONE ELETTRONICA ESTERNA 3d104s2 può assumere tutti i numeri di ossidazione da +2 a +7. I C