google.com, pub-8172063191489395, DIRECT, f08c47fec0942fa0
top of page

Gli ‘-ismi’ generano odio

Torna prepotente sulla scena, lo spettro del fascismo, dovuto anche ai fatti di Roma. Bisogna fare alcune considerazioni: la prima, questi soggetti erano ben conosciuti quando se la prendevano con poliziotti, immigrati, gay, lesbiche ecc, eppure non ci fu una condanna, ergo, un fatto di inaudita ferocia ha dimostrato che non si corre ai ripari prima che non succeda qualcosa di grave. Punto secondo: tutti gli ‘-ismi’ vanno puniti. Su questa tesi si affrontano destra e sinistra: la destra sostiene che anche gli estremisti comunisti devono essere sciolti, la sinistra invece, invoca la XII disposizione della Costituzione e l’art. 3 della Legge Scelba. In effetti le due tesi non sono contraddittorie, ma sono ‘complementari’; se si intende il fascismo come entità violenta, razzista, omofoba e xenofoba regge la tesi della sinistra, ma se invece si considera fascismo tutto ciò che è volto alla destituzione dell’ordine costituito generando caos nella Nazione allora ha ragione la destra.

Si può dire che non è esistito, e la storia lo dimostra, un ‘estremismo buono’ e uno ‘cattivo’, ma entrambi generano violenza, entrambi, però, hanno un difetto comune, la ragione; pensano di avere ragione entrambi e, come al solito, vogliono dare dimostrazioni di forza. Il gruppo NAR, i terroristi neri, si sono automaticamente sciolti dopo che sono stati arrestati così come le BR, terroristi rossi (tranne per una piccola parentesi delle Nuove BR, ma è un altro paio di maniche). Cosa significa tutto questo? Semplice, lo dice il titolo: l’odio è generato dagli ismi del nostro tempo.

0 commenti
bottom of page