google.com, pub-8172063191489395, DIRECT, f08c47fec0942fa0
top of page

Google Maps porta i percorsi ecologici in Europa

Ve ne avevamo già parlato a luglio di quest’anno del futuro arrivo dei percorsi a minor impatto ambientale su Google Maps, ora la nuova funzione è in roll out nel vecchio continente.


Google Maps introduce i percorsi ecologici in Europa

Google ha iniziato il rilascio della nuova funzione in quasi 40 paesi europei, Italia inclusa, l’aggiornamento è in fase di distribuzione e grazie all’introduzione del percorso ecologico consente all’utente di scegliere il tragitto ottimizzato per ridurre il consumo di carburante e diminuire le emissioni di sostanze inquinanti.



Google Maps mostrerà all’utente non solo l’opzione di percorso più veloce, ma anche quella a minor impatto ambientale (qualora non coincida con il tragitto più breve), sarà possibile visualizzare il relativo risparmio di carburante e la differenza nell’orario di arrivo tra i diversi percorsi.



Google Maps percorso ecologico

La funzione in oggetto è stata introdotta per la prima volta circa un anno fa, negli Stati Uniti e in Canada, e Google stima che da allora abbia contribuito a rimuovere più di mezzo milione di tonnellate di emissioni di carbonio, lo stesso risultato che si otterrebbe eliminando dalle strade 100.000 automobili. Una volta ricevuta la nuova funzione è possibile attivarla seguendo il percorso Immagine profilo -> Impostazioni -> Impostazioni di navigazione -> Opzioni percorso; una volta attivata mostrerà il percorso ecologico con l’indicazione di una piccola foglia (come potete vedere nella gif qui sopra), se non attivata Maps vi mostrerà semplicemente il percorso più rapido.


Nelle prossime settimane inoltre verrà introdotta un’altra funzione che si affiancherà a quest’ultima e che prevede la possibilità per l’utente di selezionare il tipo di motore e di carburante della vettura in uso; la possibilità di scegliere tra benzina o gas, diesel, veicolo ibrido o elettrico consentirà a Maps di offrire stime più accurate dal punto di vista dei consumi di carburante e dell’efficienza energetica.

0 commenti
bottom of page