google.com, pub-8172063191489395, DIRECT, f08c47fec0942fa0
top of page

Intervista a Mister Andrea Destino sulla situazione Melfi Calcio - ESCLUSIVA


Ciao Andrea, grazie per aver accettato l'invito per Le Nostre Notizie.

-Come prima cosa, come hai preso la notizia della mancata fusione del Melfi e della ripartenza che adesso sembra dovrà avvenire dalla seconda categoria?

Sinceramente non ho mai creduto all’idea di una fusione perchè la trovo abbastanza difficile da realizzare nelle nostre realtà, e poi sinceramente credo che ogni tifoseria debba spendersi per i propri colori. Avevo immaginato questo esito, Lavello in D e Melfi purtroppo nella situazione di dover ripartire da zero.

-Alcuni vicino alla società, si lamentano del fatto che essendo quella del Melfi una situazione data in "gestione" agli imprenditori, non ci fosse completa libertà nello svolgere il proprio lavoro tranquillamente visti anche i debiti che vi sarebbero stati da pagare in caso di promozione alla serie D. Durante quest'ultima stagione hai sentito anche tu questa pressione? Ci puoi raccontare come l'hai vissuta dall'interno?

La situazione debitoria del Melfi non la conosco a pieno, sicuramente la retrocessione dalla Lega Pro ha lasciato qualche pendenza che purtroppo non ti permetteva di andare avanti. Quindi la vittoria della Coppa Italia è stato il massimo traguardo che potevamo raggiungere, perché come detto nella domanda, vincere il campionato non ti avrebbe permesso di disputare la serie D senza mettere i conti a posto. Era una situazione che ormai aleggiava anche sulla Società che ha gestito la stagione e credo abbia influito anche sullo spogliatoio venuto pian piano a conoscenza. Non sono situazioni semplici da gestire, ma i ragazzi sono stati professionali fino alla fine.

-Per finire Andrea, da tifoso è meglio per te ripartire da zero e cercare di fare una scalata per far tornare il Melfi dove merita?

Io personalmente credo che questa situazione, anche a malincuore, ma per un bene futuro, andava risolta una volta per tutte. C’è bisogno di ripartire da zero, di ripartire dai giovani, da una struttura che va sistemata per permettere la crescita di questo sport che si è perso strada strada. Ma sono convinto che Melfi ha ancora tanto da offrire sia nel panorama regionale che nazionale. Si devono ritovare passione, capacità e risorse nuove per riportare Melfi dove gli compete. Ma questo passaggio è inevitabile.

Intervista esclusiva di Le Nostre Notizie. Tutti i diritti sono assolutamente riservati

0 commenti

Comments


bottom of page