google.com, pub-8172063191489395, DIRECT, f08c47fec0942fa0
top of page

Meta valuta funzionalità a pagamento per Facebook, Instagram e WhatsApp

I colleghi di The Verge sono entrati in possesso di un documento interno inviato ai dipendenti di Meta, dalla nota si evince come l’azienda stia creando una nuova divisione con il compito di identificare e creare “possibili funzionalità a pagamento” per le sue app Facebook, Instagram e Whatsapp.


Meta potrebbe introdurre funzioni a pagamento nelle sue app in futuro

Le applicazioni di Meta possono vantare miliardi di utenti, ma recentemente gli introiti dell’azienda, basati principalmente sulla pubblicità, hanno risentito pesantemente delle modifiche al monitoraggio degli annunci introdotte da Apple; questo rappresenta probabilmente uno dei motivi principali per prendere in considerazione nuove forme di guadagno. L’azienda sta, come già detto, creando una nuova divisione interna che sarà guidata da Pratiti Raychoudhury, ex capo della ricerca di Meta.



John Hegeman, vicepresidente della monetizzazione di Meta, ha dichiarato in un’intervista che la priorità dell’azienda rimane quella di far crescere la propria attività pubblicitaria, ma ha anche aggiunto che qualora vi fossero altre modalità di guadagno, che possano contestualmente creare nuovo valore, andrebbero prese in considerazione.


Attualmente l’azienda prevede già alcune funzioni a pagamento, Facebook ad esempio permette agli amministratori dei gruppi di addebitare l’accesso a contenuti esclusivi, WhatsApp addebita ad alcune aziende la funzionalità per inviare messaggi ai propri clienti e Instagram ha recentemente paventato la possibilità per i creatori di contenuti di far pagare un abbonamento ai propri follower.


Ad onor del vero Meta non è l’unica azienda social a far pagare per alcune funzioni, TikTok ad esempio ha recentemente iniziato a testare gli abbonamenti a pagamento, Twitter ha lanciato Twitter Blue, Discord guadagna con il suo abbonamento Nitro e Telegram ha introdotto la versione Premium. Insomma l’azienda è sicuramente in buona compagnia, bisognerà vedere quali nuove funzionalità verranno proposte a pagamento per valutare se ne valga la pena o meno.


Fonte: Theverge.com


0 commenti

Comments


bottom of page