google.com, pub-8172063191489395, DIRECT, f08c47fec0942fa0
top of page

Nuovo anno di bombardamenti su Gaza. Hamas in risposta ad Israele: «Ci siamo sbagliati»

Durante le prime ore di domenica scorsa Israele ha nuovamente bombardato la Striscia di Gaza in risposta all'attacco di Hamas avvenuto il giorno prima - sabato 1 Gennaio - e poi culminato in un'esplosione non molto distante dalla città israeliana di Tel Aviv.



Proprio mentre stavamo per buttare tutto il marcio dell'anno passato dietro le nostre spalle larghe, in Oriente s'apprestavano a festeggiare un capodanno un po' insolito, fatto di morte e distruzione. Un capodanno diverso dall'analogo occidentale, essendo quest'ultimo molto più occupato in restrizioni, vaccinazioni e tamponi rapidi. "Sabato un funzionario di Hamas" - scrive Il Post - "aveva detto che i razzi erano partiti per errore a causa di un malfunzionamento legato al maltempo". Un dato è certo: accade di rado che l'armamento di Hamas riesca a raggiungere distanze così ravvicinate rispetto ai centri abitati, infatti i razzi partiti da Gaza erano caduti in mare, al largo delle coste di Tel Aviv e Rishon LeZion, pochi chilometri più a sud. Nessun morto eppure il presagio resta identico, all'insegna di scenari futuri che potrebbero solo inasprire ancor più il già aspro rapporto tra Israele e Palestina.



0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page