google.com, pub-8172063191489395, DIRECT, f08c47fec0942fa0
top of page
  • Immagine del redattore

Ottava tappa del Giro: trionfa Healy a Fossombrone

Ottava tappa del Giro d'Italia edizione 106, partenza da Terni arrivo a Fossombrone, terreno adatto per qualche colpo di mano. Salutano la corsa rosa, causa covid, Lars van der Berg e Filippo Ganna. La fuga buona di giornata prende il via dopo il km 13 con quattro corridori in avanscoperta: Valentin Paret-Peintre, Ben Healy, Derek Gee e Carlos Verona. Le sorprese non sono finite qua perché con il passare dei chilometri si accodano ai fuggitivi altri otto corridori: Alessandro Tonelli, il campione italiano Filippo Zana, Mattia Bais, Francois Bidard, Samuele Battistella, Alessandro Iacchi e il francese Warren Barguil. Sul primo muro dei Cappuccini la corsa entra nel vivo, Ben Healy saluta la compagnia e se ne va in solitaria. Nel gruppo dei migliori la Ineos e la Jumbo sembrano voler dettare legge, preludio di qualche azione sul finale di corsa. Sul monte delle Cesane il vantaggio di Healy arriva a superare i due minuti mentre i suoi diretti inseguitori rimangono in cinque. Healy trionfa in solitaria sul traguardo di Fossombrone, secondo Darek Gee, terzo Zana. Nel frattempo nel gruppo dei migliori accade ciò che non ti aspetti, parte in avanscoperta Primoz Roglic lo seguono a ruota Tao e Geraint Thomas in difficoltà Evenepoel, la maglia rosa Leknessud e Joao Almeida. Alla fine dei conti il norvegese mantiene la leadership mentre Roglic e Thomas rosicchiano secondi preziosi sui diretti avversari. Domani cronometro di Cesena che dirà molto sul proseguo della corsa.


Oa sports

0 commenti

コメント


bottom of page