google.com, pub-8172063191489395, DIRECT, f08c47fec0942fa0
top of page
  • Immagine del redattore

Tredicesima Tappa del Giro: Milan cala il tris




Tredicesima tappa del Giro d’Italia, si parte da Riccione e si arriva a Cento 179 km per un finale adatto alle ruote veloci. Prima dello start ufficiale, c’è stato un bellissimo omaggio di un cantautore romagnolo che ha suonato con la chitarra l’Inno d’Italia. Dato il via sono andati subito in fuga: Pietrobon, Tarozzi e Tonelli che hanno raggiunto un vantaggio massimo di 2’40”. Presso il traguardo “Intergiro” di Lugo, Kaden Groves rosicchia 5 punti in classifica a Jonathan Milan per la maglia ciclamino quando al traguardo mancano 85 km. A 72 km dal traguardo il vantaggio dei tre battistrada è sceso a 1’29”. Dopo una decina di chilometri, causa forte vento, il gruppo maglia rosa si spezza in due tronconi a rimanere attardato è il favorito di giornata Milan. Il vento continua ad infierire e a 46 km dal traguardo Milan e la sua Lidl-Trek fanno fatica a rientrare sul gruppo maglia rosa che ha già ripreso i tre fuggitivi di giornata. Entrando a Conselice il gruppo torna compatto. Le emozioni non sono finite, quando al traguardo mancano 30 km evadono dal gruppo due corridori: Marcellusi e De Pooeter. Ai -15 si rialza Marcellusi e rimane in testa solo il corridore belga con 19” dal gruppo maglia rosa. Ranghi compatti ai -10 dal traguardo, sarà un duro lavoro per le squadre dei velocisti preparare la volata finale dopo le varie peripezie affrontate oggi. Trionfa sul traguardo di Cento la maglia ciclamino di Milan che beffa Aniolkowski e Bauhaus. Terza vittoria di tappa per il corridore friuliano che consolida ancor di più la leadership per la maglia ciclamino. Domani frazione a cronometro con arrivo a Desenzano del Garda.

0 commenti

Comments


bottom of page