google.com, pub-8172063191489395, DIRECT, f08c47fec0942fa0
top of page

UN SOLO OBIETTIVO COMUNE: WEMBLEY PER SCRIVERE LA STORIA DI UNA NAZIONE

Sabato prenderanno il via gli ottavi di finale degli Europei. Si parte con Galles-Danimarca alle ore 18 mentre in serata toccherà agli azzurri di Roberto Mancini contro l ‘Austria. Il tabellone sicuramente fornisce delle indicazioni chiare. Avremo degli ottavi di finale al cardiopalma come Inghilterra-Germania e Belgio-Portogallo. Match da cui uscirà la rivale di una tra Austria e Italia. Partendo dal presupposto che prima o poi bisogna affrontare tutte le big, sembra prematuro uno scontro così delicato negli ottavi di finale. Con l’arrivo delle gare ad eliminazione diretta inevitabilmente avremo partite meno spettacolari e intense dal punto di vista fisico. Le squadre apparse in difficoltà nei gironi come Inghilterra e Francia per non parlare della Germania la quale ha evitato una clamorosa eliminazione solo con un colpo di coda nel finale, potrebbero esprimersi al meglio. Come detto in precedenza, assisteremo a match tirati che potrebbero durare anche piu di 90 minuti con lo spettro dei rigori. Francia e Belgio sono le candidate principali alla vittoria finale, ma guai a dare per spacciate squadre come Spagna e soprattutto la bella Olanda che con un inedita difesa a tre risulta essere bella e pratica. I protagonisti attesi saranno i campioni come Ronaldo, Mbappe, Hazard, Sane, Lukaku, Foden… i quali sono chiamati a trascinare le rispettive squadre. Le sorprese sono dietro l ‘ango: fin’ora, a parte la Turchia, nessuna squadra ha sfigurato anzi, deve far riflettere il cammino dell’Ungheria che in un girone impossibile è andata vicino ad un incredibile qualificazione. Ecco perchè squadre come Repubblica Ceca, Ucraina ma soprattutto la Danimarca, con una spinta incredibile dopo lo scampato pericolo di Eriksen, potrebbero dare filo da torcere a tutti.

0 commenti

Comments


bottom of page