google.com, pub-8172063191489395, DIRECT, f08c47fec0942fa0
 

Voglia di uno snack? Tornano le Google Original Chips con nuovi sapori


Manca ormai meno di un mese alla presentazione ufficiale, da parte di Google, della nuova famiglia di smartphone Pixel 7 e il colosso di Mountain View comincia ad affilare le proprie armi lato marketing. L’iniziativa che vi riportiamo oggi non è nuova, ve ne avevamo già parlato lo scorso anno, ma questa volta Google decide di fare qualcosina in più e lancia delle nuove Google Original Chips.


Ritornano le Google Original Chips per il lancio di Pixel 7

Prima che corriate al negozio sotto casa dobbiamo darvi una brutta notizia, le Google Original Chips sono attualmente disponibili solo in Giappone e non sono neanche alla portata di tutti; non sono infatti disponibili presso alcun rivenditore (fisico o online) e per averle bisognerà partecipare ad una lotteria.


Gli utenti nipponici hanno tempo fino al 23 settembre per iscriversi al concorso, che mette in palio 2.000 scatole di Google Original Chips (lo scorso anno erano disponibili gratuitamente, previa registrazione, 10.000 sacchetti), a differenza dello scorso anno non viene modificato solo il design delle confezioni che non è più il classico sacchetto di patatine, bensì una scatola che richiama sempre il design e le colorazioni ufficiali dei futuri Pixel 7, ma vengono anche aggiunti nuovi gusti (lo scorso anno era disponibile solo il Google Salty Flavour).



Come potete notare dalle immagini in galleria, ci sono quattro nuovi gusti per le Google Original Chips ovvero “Snow Cheese”, “Obsidian Pepper”, “Hazel Onion” e “Salty Lemon”. La pagina dedicata dello store nipponico inoltre, mette in evidenza il nuovo processore Google Tensor G2, esaltandone le qualità fotografiche e di ripresa video.


Google consiglia ai fortunati utenti che riusciranno ad entrare in possesso di una scatola, di condividerla con amici e parenti prima della presentazione di Pixel 7, ma probabilmente la maggior parte di essi la custodirà gelosamente come oggetto da collezione, tanto più che al momento non sembrano disponibili in nessun’altra parte del mondo; chissà se prima del lancio ufficiale Big G cambierà idea e deciderà di portare le Google Original Chips anche in altri stati, magari Italia compresa.


Fonte: Google.com


0 commenti